Seleziona una pagina

Contratture muscolari: come riconoscerle e curarle

Le contratture muscolari sono delle contrazioni involontarie e dolorose che provocano rigidità e limitano i movimenti. Possono sorprenderti dopo un allenamento o dopo un movimento inusuale, recandoti non pochi fastidi.

Si tratta di un problema comune, che rende i tessuti connettivi molto meno flessibili e, conseguentemente, meno pieghevoli e più rigidi. Come si fa a riconoscerle subito e a curarle? È presto detto.

 

Contratture muscolari: come riconoscerle

Per riconoscere una contrattura muscolare devi partire da ciò che ha provocato il dolore intenso che stai provando.

Se sei uno sportivo e hai svolto un esercizio fisico ad alta intensità, sforzando particolarmente una determinata area, o non ti sei riscaldato sufficientemente prima di iniziare ad allenarti, sappi che il dolore che provi è quasi certamente legato a una contrattura muscolare.

Se non sei uno sportivo sappi che le contratture muscolari possono aver colpito anche te: un movimento brusco o inadeguato e una cattiva postura possono irrigidire i muscoli e portarli a contrarsi.

Le contratture muscolari sono caratterizzate da una sensazione di costrizione e da un dolore pulsante. Dunque non solo ti sembrerà che il muscolo sia bloccato, ma in più potresti avvertire delle vere e proprie fitte ogni volta che proverai a forzarne il movimento.

 

Contratture muscolari: come curarle

Se vuoi curare correttamente la tua contrattura muscolare devi seguire tre consigli preziosi, che ti aiuteranno ad alleviare il dolore e completeranno la terapia prescritta dal tuo medico. Ecco quali sono:

1. Tieni la parte a riposo

Fermare qualsiasi forma di attività intensa o esercizio fisico riguardante l’area muscolare interessata dalla contrattura è fondamentale. Questo non significa che tu debba essere inattivo: semplicemente non devi sforzare la parte contratta.
Considera che potresti doverla tenere a riposo per paio di giorni o per un paio di settimane, a seconda della gravità della contrattura. Ricordati che anche se a un certo punto ti sembrerà di stare meglio sarà necessario continuare a rimanere fermo fino a quando non ti sarai completamente ristabilito.

2. Massaggia la parte

Massaggiare l’area interessata dalla contrattura (con delicatezza) ti aiuterà a mantenere il flusso sanguigno in movimento e a stimolare i nervi.
Cerca di farlo un paio di volte al giorno, senza fare troppa pressione e fermandoti se senti dolore: questo ti consentirà di accorciare i tempi di recupero.

3. Ricorri alla terapia del calore

Il calore è estremamente utile per alleviare la tensione muscolare. Nello specifico, quando si tratta di contratture muscolari, è necessario che non ci si limiti a un riscaldamento superficiale, ma a qualcosa di più profondo ed efficace.
Una soluzione potrebbero essere i cerotti multifunzione, che offrono un calore costante per 12 ore e grazie alla loro forma anatomica possono essere posizionati nei punti dolenti senza sforzo.

Guarda i nostri prodotti e scopri quello che fa per te.

Vedi alcuni esempi di cerotti riscaldanti

Usa la termoterapia per alleviare il dolore concentrandoti sulla sua origine in modo da riscoprire la gioia di muoverti.

Dolori
alla schiena

Dolori
cervicali

Dolori
mestruali

Contratture
muscolari